INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Ph. (+39) 091 617 6904

Il Duomo

Maestoso edificio situato nel cuore del capoluogo siciliano, la Cattedrale di Palermo è il principale luogo di culto della città. La chiesa, che dista soltanto 15 minuti a piedi dal nostro bed and breakfast, è dedicata alla Santa Vergine Maria Assunta in Cielo, mentre in una delle cappelle si venere Santa Rosalia, Patrona della Città e culto molto sentito dai palermitani. La costruzione dell’edificio iniziò alla fine del XII secolo su un preesistente luogo di culto musulmano; la Cattedrale ha subito poi nel corso dei secoli trasformazioni, aggiunte e modifiche fino allo stato attuale, risultanza dell’ultimo invasivo intervento architettonico datato XVIII secolo. Questi frequenti processi di rifacimento hanno avuto come conseguenza la mescolanza di stili architettonici ed artistici: la Cattedrale di Palermo si può definire come un edificio in cui sono fusi elementi romanici, normanni, gotici, barocchi e neoclassici.

Ciò è evidente sia nella parte esterna che in quella interna della chiesa: l’ampio portico è in stile gotico catalano e risale al Quattrocento, l’abside presenta invece decorazioni arabe e normanne; la cupola è tardo barocca mentre l’interno, con la sua croce latina a tre navate, è ispirato ad un stile tipicamente neoclassico. Nella Cattedrale sono stati incoronati Vittorio Amedeo II di Savoia e Carlo III di Borbone, e qui si trovano le reliquie di alcuni Reali di Sicilia tra cui Enrico VI (1197), Federico II (1250), l’imperatrice Costanza (1198) e di Ruggero (1154). Nella parte destra del presbiterio si trova la veneratissima Cappella di Santa Rosalia: in essa c’è l’urna contenente le reliquie della santa patrona. 

Nei pressi della Cappella di San Francesco di Paola vi invitiamo a rivolgere lo sguardo al pavimento: potrete ammirare la Meridiana che, incastonata nel marmo, attraversa la navata centrale. Una delle sue particolarità è il “palmo”, l’unità di misura utilizzata nel Regno di Sicilia ad inizio Ottocento, periodo in cui la Meridiana fu costruita.

Dall’abside si accede facilmente alla Sala del Tesoro, che consigliamo vivamente di visitare: potrete ammirare preziosi arredi sacri, calici, ostensori e miniature dal 1300 al 1700; il pezzo più importante è senza dubbio la bellissima tiara d’oro, riccamente decorata con perle e pietre preziose che appartenne a Costanza d’Aragona prima moglie di Federico II di Svevia. Infine merita una visita anche la cripta: si tratta di un luogo molto suggestivo caratterizzato da volte a crociera poggiate su colonne di granito; essa contiene tombe e sarcofagi d'età romana tra cui quella dell'arcivescovo Giovanni Paternò.